Richiesta sostegno Maternità/Paternità

0

Sul sito il nuovo regolamento per la richiesta del sostegno alla maternità-paternità.

Nuovi modelli: sono disponibili sul sito i nuovi modelli per la richiesta delle prestazioni, per il sostegno alla maternità e soprattutto il nuovo modello, che integra quello di richiesta prestazioni, per la richiesta di rimborso per interventi odontoiatrici.

Sostegno alla maternità/paternità: il CCNL 27.10.2012 dell’ Industria Alimentare ha previsto da gennaio 2013 la possibilità per le madri e i padri di bambini fino a tre anni di età che decidono di avvalersi dell’astensione facoltativa dal lavoro di godere, per i primi 3 anni di età del bambino, di una prestazione assistenziale integrativa dell’indennità di legge erogata dall’INPS. Tale prestazione assistenziale è assicurata attraverso il versamento da parte delle aziende di euro 2,00/mese per ciascun lavoratore in forza a tempo indeterminato. Il diritto del lavoratore al contributo assistenziale per maternità/paternità spetta: nel caso di richieste di congedo avanzate a partire dal 1.1.2013 e solo per i mesi interi indennizzati dall’INPS; una volta l’anno con un minimo di assenza continuativa di 1 mese e un massimo di 6 mesi. Il contributo può essere richiesto per mesi interi e non per frazioni di mese. La gestione di tipo mutualistico (e non assicurativo) dell’intervento assistenziale consente al Fondo di individuare inizialmente un importo indicativo del contributo, pari a 400,00 euro/mese lordi, che in sede di consuntivo potrà oscillare in più o meno in base al rapporto tra contribuzione versata dalle Aziende al Fondo e prestazioni effettivamente richieste. Per ogni maggiore dettaglio su requisiti e modalità di erogazione della prestazione si invita a consultare il Regolamento e la circolare esplicativa che saranno pubblicati a breve sul sito nella sezione “Sostegno maternità”.
Promozione della bilateralità di Settore: Sempre a decorrere da gennaio 2013 (si veda la predetta circolare operativa ) il C.C.N.L. prevede il versamento da parte delle Aziende della contribuzione di 1 euro/mese, per ciascun lavoratore in forza a tempo indeterminato, per la promozione della bilateralità di settore (ad es. diffusione conoscenza polizza sanitaria integrativa Fondo FASA, diffusione potenzialità Fondo di previdenza complementare Alifond, ecc.).

Polizza sanitaria integrativa: il 19 dicembre 2012 si è tenuto l’incontro con le Compagnie di Assicurazione a seguito del quale è stata rivista in senso migliorativo la polizza sanitaria. Le nuove condizioni sono consultabili nella sezione normativa del sito.

Con l’occasione facciamo presente che le Parti sociali hanno posticipato al 1 giugno 2016 il versamento del contributo volontario a carico del singolo lavoratore iscritto al FASA. Pertanto, a partire dal 1.1.2013 e fino alla predetta data, resta fermo l’attuale sistema di contribuzione unilaterale da parte delle aziende.

Comments are closed.